Le tue selezioni

Gioca e Impara: L’importanza dei no

no

Alcuni genitori si trovano a guardare i propri figli, un giorno qualunque della loro vita, e a scoprire che non hanno l’educazione che pensavano di avergli impartito.

In genere non sanno come sia successo, ma improvvisamente realizzano di avere allevato bambini che presentano tutte le caratteristiche che nei figli di altri avevano condannato.

Qual è il momento giusto per iniziare a porre limiti e a dire di no ad alcuni dei comportamenti dei bambini? Impossibile dirlo perché ogni bambino è diverso e perché ogni genitore è diverso. La cosa migliore è quindi quella di iniziare fin dal primo giorno di vita a impostare l’educazione che si vuole i bambini abbiano da grandi.

Le regole per impartire delle regole sono solo due: tenere conto dell’età dei bambini ed essere sempre coerenti.

Tenere conto dell’età dei bambini significa non pretendere da loro comportamenti impossibili per la loro età (inutile pretendere che un bambino di 20 mesi non sporchi il tavolo mangiando) e non accettare da loro comportamenti infantili rispetto alla loro età (inutile accettare che un bambino di 4 anni si rifiuti di mangiare a tavola con altre persone e che pretenda di mangiare solo con l’aiuto di un adulto).

Quindi sì alle regole, ma che davvero tengano in considerazione le reali capacità della piccola persona che si ha di fronte.

Essere sempre coerenti è probabilmente la cosa più difficile. Significa stabilire norme e farle rispettare con fermezza (non con rimproveri) sempre e comunque. Questo significa che tutte le persone che partecipano della vita del bambino devono condividere le stesse regole (genitori, nonni, zii, insegnanti ed educatori), che non ci devono essere eccezioni (mai!), che gli adulti vivano rispettando quelle stesse regole: l’esempio è più educativo delle spiegazioni che, soprattutto nei bambini molto piccoli, non vengono nemmeno comprese.

Ma come scegliere le proprie regole? La premessa è che non siano troppe: meglio poche e chiare; man mano che i bambini crescono e avranno acquisito le regole base, si potranno aggiungere nuove regole. La scelta di quali regole applicare ovviamente varia da famiglia a famiglia, ma un ottimo metodo per sceglierle (soprattutto quando si è genitori alle prime armi) è quello di guardare con attenzione le dinamiche di altre famiglie con bambini e decidere quali sono i comportamenti che non si condividono.

Un sistema giocoso per rendere i bambini partecipi delle regole e del loro funzionamento, può essere quello di instituire una bacheca (che potrebbe essere una lavagna o un cartelloni appesi alla parete della sua cameretta), dove scrivere le regole della vita quotidiana e dove aggiungere un disegno o un adesivo ogni vola che la regola sarà rispettata.

Lascia un tuo commento

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other