Le tue selezioni

Gioca e Impara: quando i bambini preferiscono i nonni

nonni

SUCCEDE COSI’

Spesso i bimbi, quando escono dall’asilo vanno a casa dei nonni, dove rimangono fino a quando, alla fine della giornata di lavoro, arrivano a prenderli la mamma o il papà.

Può succedere che appena la mamma suona il campanello corrano a nascondersi e chiedano alla nonna di non aprire. “Non voglio andare con la mamma!” dicono “Voglio stare qui con te, mandala via!” La mamma diventa ovviamente molto triste e ha paura di aver perso l’affetto dei suoi bambini.

IL CONSIGLIO
Bisogna rispettare la reazione dei bambini, evitando di forzarli a venire via dalla casa dei nonni. E’ possibile, infatti, che l’atteggiamento ostile derivi dal rancore che provano per essere stati affidati ad altri per tutto il giorno. Il loro nascondersi e scacciare i genitori forse equivale a dire:  “Finalmente ti ricordi di me, ma adesso sono io che non ci sono per te.” Se così fosse, conviene che la mamma, dopo essere entrata in casa dei nonni, si sieda e inviti i bambini a scambiare po’ di coccole, con dolce naturalezza, senza mostrarsi né offesa né addolorata. Dopodiché gli può dire che si sente stanca e che desidera più di tutto andare a casa con loro. Può proporgli di cantare insieme una canzoncina durante il tragitto in auto o di riprendere a raccontare quella certa fiaba che non avevano mai finito…

MEGLIO DI NO
Sarebbe sbagliato sgridare i bambini, pronunciando frasi che li colpevolizzano (Guarda qui, fai piangere la mamma) o che li etichettano come cattivi e disobbedienti. Non è una buona idea neppure prenderli di peso e portarli a casa, senza curarsi delle loro proteste. Pazienza e comprensione in simili casi pagano molto più di qualsiasi presa di posizione troppo decisa.

[Fonte: QuiMamme]

Lascia un tuo commento

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other